L’hotel “Il San Pietro di Positano”: la materia dei sogni

5 minuti

Premi per Play/Pausa

La stagione estiva in Italia si è conclusa da poco in maniera del tutto positiva per il settore turistico, con numeri che, per fortuna, in molti casi sono tornati ai livelli di prima della pandemia. Gli alberghi da Nord a Sud del Paese hanno accolto infatti milioni di turisti internazionali; in particolare sono tornati i turisti americani che, grazie anche al cambio favorevole, hanno ripreso a frequentare le loro destinazioni preferite tra cui c’è da sempre la Costiera Amalfitana.

Ed è proprio qui, nel pittoresco borgo di Positano che si trova “Il San Pietro di Positano“, Hotel Cinque Stelle considerato il ‘Miglior piccolo albergo al mondo’, un luogo dove l’ospitalità Made In Italy è tangibile da cinquant’anni tondi e si respira la passione e il calore di casa.

Tutto merito del visionario Carlo Cinque (soprannominato il sognatore), classe 1911, che a soli 22 anni convince il padre Alfonso a cedergli la casa di famiglia, sulla strada tra Praiano e Positano, per farne un albergo. Nasce prima il Miramare nel cuore del borgo, il primo albergo di Positano, che nel 1934 era uno sconosciuto villaggio “verticale” sulla costiera abitato da famiglie di pescatori e contadini che faticosamente coltivavano la terra, collegato da strade sterrate e noto per custodire l’icona bizantina della Madonna Nera.

Quando nel 1943, in piena Guerra Mondiale, a Salerno sbarcano le Truppe Americane, Carlo Cinque e il sindaco di Positano, fieri e consapevoli della bellezza del posto, si recarono di persona dal Generale statunitense Mark Clark per invitarlo a passare dei giorni in Costiera e utilizzare il Miramare come base per gli ufficiali in licenza.

Nel 1962, Carlo Cinque acquista il promontorio tra Positano e Praiano: in quel momento il terreno ospita solo una piccola cappella quattrocentesca dedicata a San Pietro e serviranno otto anni di lavoro per giungere all’inaugurazione dell’hotel “Il San Pietro”. Il 29 giugno 1970 l’hotel debutta con trentatre camere che incarnano la particolarissima visione del fondatore: innanzi tutto essere invisibili. Carlo vuole che la struttura si inserisca nella maniera più possibile armonica nel territorio che lo circonda. Progetta giardini terrazzati e sentieri, piantuma alberi provenienti da tutto e poi decide che la struttura non dovrà mostrare spigoli vivi e angoli retti. Parola d’ordine sinuosità, come quella delle onde, come quella delle nuvole.

È questo l’inizio del mito di un luogo dove tutto è storytelling, rifugio del cuore, amato negli anni da celebrità, attori e scrittori come John Steinbeck che lo hanno reso celebre nel mondo.

Tra gli episodi più celebri la telefonata di Marcello Mastroianni un giorno in cui l’albergo era teoricamente al completo. Carlo non voleva assolutamente rinunciare a ospitare il grande attore, quindi, nel giro di poche oreriuscì a ricavare una nuova stanza dalla grande terrazza. Mastroianni, che stava girando un film insieme a Catherine Deneuve, vi rimase per tre mesi. In seguito, la camera inizialmente improvvisata fu ricostruita e battezzata ‘Otto e mezzo’, in onore del famoso film di Fellini interpretato da Mastroianni.

Solo un genio visionario e onirico come Carlino poteva regalare al mondo Il San Pietro, albergo indissolubilmente legato al presente ‘e costantemente proiettato nel futuro’.

Oggi il San Pietro è gestito dai nipoti di Carlo, ed è il fiore all’occhiello della prestigiosa catena Relais & Châteaux. Andrea Zana, bresciano, è direttore dieci anni e gestisce decine di dipendenti, che raccontano le storie più belle del posto!

Complimenti agli alberghi Made in Italy che puntano sulla qualità e portano le bellezze dell’Italia nel mondo!

Condividi

Percentuale di lettura

Entra a far parte della community

Entra anche tu a far parte della community e partecipa al mondo di Made in Italy
Iscriviti Ora
Please wait...
Free
0.00USD
Discount ()
-0.00USD
Subtotal
Fee
0.00USD
Vuoi metterti in contatto con noi o sei alla ricerca di informazioni specifiche? Compila il modulo, ti risponderemo a breve.