Un mito chiamato Super Santos

3 minuti

Premi per Play/Pausa

Pallone Super Santos

Anche se ai prossimi campionati mondiali di calcio in Qatar non vedremo la Nazionale, l’Italia resta sempre un Paese che vive il calcio a tutti i livelli: dai bambini che giocano in spiaggia o nelle piazze – anche se è di pochi giorni fa la notizia per cui a Napoli sarebbe vietato farlo –, fino ai più grandi professionisti della serie A, “il campionato più bello del mondo”.

Non a caso, uno dei palloni più famosi e più venduti è prodotto in Italia fin dagli anni ’60. Parliamo del mitico Supersantos, un pallone “popolare”, prodotto in puro pvc, 280 gr di peso, di colore arancione e con le caratteristiche bande nere che riprendono il design dei vecchi palloni da calcio realizzati con strisce di cuoio.

L’idea di questo pallone pare si debba all’intuito di Stefano Seno, operaio della Mondo di Alba, e il suo nome si ispira alla vittoria del Brasile ai Campionati del Mondo 1962. Arancione, economico – il prezzo originario era di 350 lire –, leggero e sinonimo di “pallone per tutti”, il Supersantos ha la particolarità del famoso “effetto boomerang” che obbliga a tirarlo di punta, dato che calciando di collo non si riesce a padroneggiare la traiettoria. Nonostante questo il Supersantos è ancora oggi è il pallone più venduto nel mondo, con 15 milioni di esemplari venduti nel 2021, continua a essere prodotto dalla Mondo Sport&Flooring, con sede a Gallo D’Alba e, nel tempo, è diventato un vero e proprio oggetto iconico, citato in maniera più o meno esplicita da molti artisti e scrittori tra cui Roberto Saviano, Brunori Sas, Francesco de Gregori e Zerocalcare.

Mondo SpA, Gallo d'Alba
Mondo SpA, Gallo d’Alba

L’azienda che lo realizza fu fondata dai fratelli Stroppiana nel 1948 e iniziò la sua attività con la produzione di palloni per pallapugno. Oggi, dopo settant’anni di storia, è diventata un colosso di livello internazionale ed è composta da tre divisioni: Mondo Sport&Flooring (pavimentazioni e attrezzature sportive), Artigo (pavimentazioni civili) e Mondo Toys (palloni e giocattoli). Ognuna di esse racchiude l’eccellenza del proprio settore di competenza e contribuisce al fatturato del gruppo che ammonta a centinaia di milioni, con 900 dipendenti in 9 Paesi.

Mondotrack TY, olimpiadi di Tokyo 2020
La pista Mondotrack TY dei giochi di Tokyo 2020

Complimenti a chi produce per lo sport e tiene sempre alta la bandiera italiana nel mondo!

Condividi

Percentuale di lettura

Entra a far parte della community

Entra anche tu a far parte della community e partecipa al mondo di Made in Italy
Iscriviti Ora
Please wait...
Free
0.00USD
Discount ()
-0.00USD
Subtotal
Fee
0.00USD
Vuoi metterti in contatto con noi o sei alla ricerca di informazioni specifiche? Compila il modulo, ti risponderemo a breve.