Vai al contenuto
Made in Italy
Menu di navigazione
Kebhouze - Made in Italy

Il kebab è Made in Italy con Kebhouze

Attenzione alla qualità e alla sostenibilità, il tutto servito in ambienti colorati e pop: ecco la ricetta per gustare il kebab Made in Italy di Kebhouze.

tempo di lettura4 minuti

Sarà che il kebab, in quanto street food, è per sua natura un cibo social, sarà che è una soluzione sempre più gradita da moltissime persone… non sorprende che Gianluca Vacchi, imprenditore e influencer, a fine 2021 abbia investito in KebHouze, prima catena Made in Italy dedicata al kebab, con l’ambizioso obiettivo di dare dignità allo street food più amato nel mondo dopo la pizza!

Da via Paolo Sarpi a Oxford Street

L’imprenditore ha deciso di scommettere sull’idea nata da un gruppo di cinque giovani italiani e nel luglio del 2021, con la guida del General Manager Oliver Zon, già responsabile di Zon Production, apre ufficialmente KebHouze, la prima catena dedicata al kebab Made in Italy.

Il 5 dicembre dello stesso anno viene inaugurato il primo negozio a Milano, in via Paolo Sarpi. Oggi i punti vendita nella sola Milano sono quattro, mentre altri si trovano a Roma, Torino, Genova, Venezia, Bergamo e Taranto. Ma KebHouze non si limita all’Italia: non potevano mancare Ibiza e Londra, dove il brand ha appena festeggiato l’apertura del venticinquesimo store di tre piani in Oxford Street.

Ingredienti italiani, anche veggie

KebHouze ha puntato tutto sulla qualità della carne, rigorosamente Italiana, su prezzi contenuti, location colorate e fashion, e su un packaging del tutto sostenibile. Il menu comprende anche alternative per chi è vegetariano, denotando così attenzione verso una fascia di consumatori in crescita anche nel nostro Paese.

Un’impresa imprenditoriale sfidante e tutt’altro che facile, soprattutto in un periodo come quello pandemico che ha visto cambiare in poco tempo molte abitudini di consumo.

Crescere, anche con il franchising

Per il futuro l’azienda, che è strutturata per gestire fino a cinquanta locali, intende ampliarsi anche attraverso il franchising e a questo scopo ha dedicato uno staff specifico per affiancare chi vorrà condividere la sua filosofia e il suo business.

Complimenti a chi porta gli ingredienti e l’imprenditorialità Made in Italy nel mondo!